Terra Nuova Dicembre 2004
Terra Nuova Dicembre 2014Scopri di più
01 Aprile 2013

L'orto sinergico: come iniziare

Le basi teoriche dell'agricoltura sinergica: cosa fare e come iniziare per ottenere un orto sinergico domestico con un passo tratto da "Il mio orto biologico".

L'orto sinergico: come iniziare

L'orto sinergico: come iniziare
L'agricoltura sinergica è un metodo di coltivazione usato in permacultura. È stato elaborato dall'agricoltrice spagnola Emilia Hazelip adattando l'agricoltura naturale di Fukuoka alle condizioni climatiche, colturali ed anche culturali europee. Si basa sul principio che è la terra a far crescere le piante, ma che non sono le piante a determinare la fertilità del suolo attraverso le sostanze emesse dalle proprie radici durante la loro vita, i residui organici che lasciano alla loro morte e le intense relazioni che stabiliscono con gli altri esseri viventi del suolo.

Partendo dall'osservazione che ecosistemi imperturbati come praterie e foreste formano suoli sani e molto fertili, la Hazelip ha sviluppato un sistema di coltivazione in cui:

1. non si esegue nessuna lavorazione del terreno;
2. non si usa nessun fertilizzante;
3. si evita qualsiasi compressione del suolo in modo da non provocare compattamenti;
4. si utilizzano le consociazioni e si evitano le monocolture;
5. si mantiene sempre una copertura vegetale del terreno;
6. si evita qualunque tipo di trattamento fitosanitario;
7. si lasciano in campo tutte le radici e i residui colturali.

Evitare le lavorazioni ha effetti conservativi sulla sostanza organica del terreno, cioè crea le condizioni affinché la sostanza organica non diminuisca e permette di godere di tutti i vantaggi descritti nel capitolo 4 del libro Il mio orto biologico, dal titolo "Preparazione e nutrizione del suolo": il mantenimento della struttura, una maggiore capacità di trattenere acqua, una maggiore disponibilità di tutti i nutrienti, una minore suscettibilità alle patologie del suolo ecc.

Un ulteriore vantaggio consiste nel favorire il mantenimento dell'equilibrio fra le popolazioni microbiche del terreno, evitando di alterarlo con sconvolgimenti degli strati che si formano “naturalmente” nel suolo. Tale equilibrio è ricercato anche rinunciando all'impiego di fertilizzanti.

Con questa scelta si evitano gli apporti di alcuni elementi di fertilità, che "sconvolgono" la popolazione microbica. Eventuali carenze del suolo (chimiche, microbiologiche o strutturali) che si manifestano vengono compensate con i sovesci.

L'attenzione posta ad evitare compattamenti del suolo è finalizzata a favorire una buona circolazione dell'aria nel suolo, rendendolo così ospitale a tutti gli esseri viventi che vivono in questo ambiente, vale a dire i microorganismi e gli organismi terricoli, ma anche alle radici delle piante.

Ancora una volta il principio che sta alla base è “lasciare fare alla natura” (che non combina i disastri dell'uomo). La scelta di coltivare sulla medesima aiuola piante che appartengono a famiglie differenti (almeno tre) aumenta la biodiversità con effetti positivi sull'ecosistema suolo e sull'ecosistema orto, evitando la necessità di adottare avvicendamenti fra i diversi tipi di ortaggi. Il mantenimento della copertura vegetale del terreno assolve a più funzioni: riduce l'evaporazione permettendo un notevole risparmio idrico, impedisce il compattamento del suolo dovuta all'azione battente della pioggia, migliora l'assorbimento dell'acqua meteorica, riduce l'emergenza di piante spontanee e apporta sostanza organica al suolo.

Lasciare in campo radici e residui colturali permette di disporre di un materiale vegetale eterogeneo che ospita una microfauna e una microflora molto ricche. In questo modo le relazioni di simbiosi, predazione, parassitismo, competizione, commensalismo che si instaurano fra i microrganismi riducono, fino ad annullare, il potenziale di infettività dei patogeni. Tutti questi principi sono stati messi in pratica definendo quali sono le tecniche da adottare in un orto sinergico.

Anche se l'agricoltura sinergica è stata definita “agricoltura del non fare”, questo termine non significa che sia possibile coltivare senza dedicare lavoro, impegno e passione a questa attività. È vero che vengono evitati alcuni lavori faticosi (la lavorazione del terreno), ma le semine, i trapianti, l'irrigazione, il controllo delle erbe spontanee, la raccolta richiedono le stesse energie e lo stesso tempo che in un orto “solamente” biologico. In più i coltivatori sinergici devono imparare a comprendere e ad indirizzare le relazioni che si creano fra il suolo (inteso come organismo vivente) e le piante coltivate, in modo da promuovere i meccanismi di autofertilità del terreno e a gestire le interazioni che si realizzano fra pianta coltivata e pianta coltivata in modo da capire come e quando consociarle.

Trovi il libro IL MIO ORTO BIOLOGICO in vendita in offerta su www.terranuovalibri.it

 

Sfoglia e leggi online il CATALOGO LIBRI DI TERRA NUOVA EDIZIONI per scoprire tutti i titoli pubblicati dedicati di AGRICOLTURA E ORTO BIO; AMBIENTE E DECRESCITA; FAI DA TE:

 
di F. Beldì e E. Accorsi
Terra Nuova su "Il giornale della libreria"
Recensioni
04 Dicembre 2014
di Ufficio Stampa
Architettura Ecosostenibile premia "Permacultura per tutti"
Recensioni
03 Dicembre 2014
di Ufficio Stampa
Voto 10 per "Introduzione alla permacultura"
Recensioni
03 Dicembre 2014
di Ufficio Stampa
Terra! accoglie l'agricoltura sinergica di Emilia Hazelip
Recensioni
02 Dicembre 2014
di Ufficio Stampa
Panta Rei: l'ecologia che scorre
Novità dal mondo Terra Nuova
16 Ottobre 2014
Panta Rei: l'ecologia che scorre
di Dafne Chanaz
Agricoltura organica senza frontiere
Novità dal mondo Terra Nuova
18 Settembre 2014
Agricoltura organica senza frontiere
di G. Pellegrini
Orto, giardino ed erbe aromatiche in permacultura
Novità dal mondo Terra Nuova
27 Agosto 2014
Orto, giardino ed erbe aromatiche in permacultura
di F. Del Guerra
L'agricoltura sinergica
Novità dal mondo Terra Nuova
08 Agosto 2014
L'agricoltura sinergica
di Terra Nuova
Vuoi lasciare il tuo commento su questo articolo?
Si prega di inserire il codice esattamente come visualizzato. I Cookies devono essere abilitati nel browser.
Vi informiamo che la direttiva 95/46/CE, la Legge 675/96 e il D.Lgs 196/2003 prevedono la tutela delle persone rispetto al trattamento dei dati personali. Ai sensi delle normative indicate tale trattamento è improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza, tutelando la Vostra riservatezza e i Vostri diritti. Vi informiamo inoltre che "titolare" dei dati personali della suddetta legge è la Editrice Aam Terra Nuova Srl. Potrete, in ogni momento, avere accesso ai dati che Vi riguardano, chiedendone l'aggiornamento, la rettifica e l'integrazione, sempre salvo il Vostro diritto di opporVi, per motivi legittimi, al trattamento degli stessi.
terra nuova social
Calendario
in che anno siamo?
  • 1393 persiano
  • 1436 islamico
  • 2014 gregoriano
  • 4710 cinese
  • 5115 induista Kali Yuga
  • 5774 ebraico
  • 2558 buddista
l'almanacco di oggi
Eventi
Modena - mercato biologico- dal 20/12/14 al 20/12/14
Bassano del Grappa- dal 20/12/14 al 20/12/14
Firenze- dal 10/12/14 al 15/01/15
terra nuova annunci