Terra Nuova Settembre 2004
Terra Nuova Settembre 2014Scopri di più
20 Aprile 2010

Alzheimer: le cure naturali funzionano

La musicoterapia, gli animali da compagnia e perfino le bambole hanno dimostrato efficacia nel trattamento dei pazienti con Alzheimer.

Chi si ammala di Alzheimer perde man mano il contatto con il mondo: dimentica il nome degli oggetti, non riconosce le persone più care, vorrebbe parlare ma non sa più come. Sono ormai oltre 600.000 gli italiani colpiti da questa malattia che ruba il cervello e, a poco a poco, la vita stessa. Il numero dei nuovi casi è in crescita al ritmo di 150.000 ogni anno, anche a causa dell'invecchiamento della popolazione. Le terapie scarseggiano, ma un aiuto per affrontare alcuni aspetti della malattia può arrivare da strategie alternative come l'ascolto della musica, la presenza di un animale, la compagnia di una bambola: i buoni risultati possibili con le cure non farmacologiche dell'Alzheimer sono stati discussi dagli esperti riuniti per il X Congresso dell'Associazione Italiana di Psicogeriatria (AIP), a Gardone Riviera (BS). "I farmaci per la cura dell'Alzheimer possono solo rallentare la progressione dei sintomi cognitivi, ma le terapie dei disturbi comportamentali come agitazione, aggressività, stereotipie, allucinazioni, insonnia,  si sono rivelate talvolta rischiose e non sempre adeguate - spiega Marco Trabucchi, presidente dell'Associazione Italiana Psicogeriatria -  Si sono quindi diffusi approcci di medicina "alternativa", che hanno resistito alla prove di efficacia e vanno sempre più conquistandosi uno spazio tra le cure accettate a tutti i livelli". Due esempi sono la doll therapy e la pet therapy: entrambe dirigono l'attenzione della persona ammalata di demenza verso un compito, quello di giocare con un cane, un gatto, un criceto o una bambola, perchè eviti di
concentrarsi sulle idee che riempiono in maniera scoordinata il cervello producendo ansia, agitazione, uno stato permanente di disagio. Una ricerca dell'università di Tolosa in corso di pubblicazione ha dimostrato che in questo modo si riducono del 60 per cento i disturbi comportamentali, il paziente migliora la sua alimentazione e si creano le condizioni per un miglior adattamento all'ambiente: anche per questo gli interventi di doll therapy e pet therapy hanno un'adeguata collocazione soprattutto nelle residenze per anziani.  "La compagnia di un piccolo animale o di una bambola deve essere mediata da un operatore, che indirizzi e aiuti il paziente: in questo modo si ottiene un ambiente più sereno, che favorisce anche i momenti di riposo e un'alimentazione più tranquilla - aggiunge Trabucchi - Chi è affetto da demenza grave è spesso incapace di controllare la propria agitazione e di concentrarsi su qualsiasi atto concreto. Se lo si osserva alle prese con una bambola o mentre accudisce un piccolo animale si resta colpiti dalla relazione che si crea, certamente superiore a quella con qualsiasi persona: migliorano le capacità di relazione, di attenzione e di memoria. Non sappiamo perchè ciò accada: forse c'è una regressione all'età infantile, si attivano ricordi cancellati solo apparentemente dalla malattia, si riescono a sfruttare le capacità affettive residue.  La terapia con la musica è più articolata: prevede infatti una serie di sedute, in genere di gruppo, durante le
quali i pazienti sono stimolati attraverso l'ascolto di musiche di vario genere, talvolta accompagnate dal battito ritmico delle mani o da una sorta di danza dei pazienti stessi. Secondo uno studio in via di pubblicazione su Aging and Mental Ealth, condotto dal gruppo di ricerca Geriatrica di Brescia coordinato dal Prof Trabucchi, la musica funziona come una sorta di "chiave" per accedere alle emozioni dei malati: "Durante le sedute si ottiene un buon livello di interesse e di attivazione da parte dei partecipanti, che di solito invece non riescono a concentrare su nulla la loro attenzione - racconta Trabucchi - La musica è un ottimo calmante: riduce l'ansia, la depressione e i disturbi comportamentali dei pazienti. Sull'aggressività,l'agitazione, le allucinazioni la musica può essere perfino più efficace dei farmaci, senza però alcun effetto indesiderato; i benefici durano a lungo, oltre una settimana, anche se poco dopo aver abbandonato l'aula di terapia i partecipanti possono aver dimenticato i contenuti della seduta". 


Fonte: Agi
di C.B.
Quanto è interessante l'articolo?
(Voti ricevuti: )
terra nuova social
Calendario
in che anno siamo?
  • 1393 persiano
  • 1435 islamico
  • 2014 gregoriano
  • 4710 cinese
  • 5115 induista Kali Yuga
  • 5774 ebraico
  • 2558 buddista
l'almanacco di oggi
Eventi
- in Val di Sole – Trentino. Per un viaggio nel verde e dentro di te- dal 24/08/14 al 14/09/14
Italia- dal 30/06/14 al 31/08/14
Italia- dal 05/04/14 al 18/10/14
terra nuova annunci