Terra Nuova Dicembre 2004
Terra Nuova Dicembre 2014Scopri di più
04 Giugno 2012

Terremoto in Emilia: ora c'è il rischio alluvioni!

Se dovesse continuare a piovere per più giorni i paesi terremotati potrebbero essere allagati. Alcune importanti idrovore sono inagibili o distrutte. Un rischio per l'agricoltura e per le gli abitanti di una vastissima area

Terremoto in Emilia: ora c'è il rischio alluvioni!

In Emilia oggi piove. Dopo la scossa delle 21.21 di ieri sera si respira un'aria irreale. Oggi dovevano riaprire le fabbriche, si riapriva uno spiraglio di normalità. E invece il sisma continua a tenere la popolazione in uno stato di precarietà e terrore. Come se non bastasse oggi è ricominciato il maltempo.
E si prospetta il rischio di alluvioni, che per quest'area sarebbe disastroso. "Dovesse piovere una settimana, le zone terremotate dell’Emilia Romagna sarebbero allagate". E' la drammatica consapevolezza dei tecnici dei consorzi di bonifica a fronte dei gravi danni causati dal sisma anche alla rete idraulica del territorio.
Sono inagibili le grandi centrali idrovore di Pilastresi e Ca’Bianca (capaci di "sollevare" 70.000 metri cubi d’acqua al secondo) nel comune ferrarese di Bondeno, dove è critica anche la situazione dell’impianto idrovoro Acque Basse. Dalla loro azione dipende la sicurezza idraulica di comuni oggi purtroppo agli onori delle cronache quali Mirandola, Finale Emilia, San Felice sul Panaro, Fellonica, Poggio Rusco, Sermide oltre naturalmente a Bondeno.
Nell'impianto idrovoro di Mondine è crollata la torre dove si trova l'impianto elettrico, il cuore che dà energia alle possenti idrovore che assicurano la sicurezza idraulica di un territorio di 50mila ettari che va dall'Enza al Secchia a Nord della via Emilia comprendendo i centri abitati di Correggio, Poviglio e Carpi.
Grave è anche la situazione nella maggior parte dei 162 mila ettari di pianura del comprensorio del Consorzio della Bonifica Burana tra Modena, Bologna, Ferrara e Mantova . Una rete estesa per 2500 chilometri di canali, 52 impianti idrovori e 2000 manufatti, la maggior parte gravemente lesionata dal sisma. Secondo la Coldiretti il conto dei danni per l'agricoltura locale, preventivato intorno al mezzo miliardo di euro, potrebbe ulteriormente aggravarsi. Dal servizio irriguo dipende una delle agricolture più floride della Pianura Padana con produzione di ortofrutta, viticoltura, riso e parmigiano reggiano.

di Gabriele Bindi
Vuoi lasciare il tuo commento su questo articolo?
Si prega di inserire il codice esattamente come visualizzato. I Cookies devono essere abilitati nel browser.
Vi informiamo che la direttiva 95/46/CE, la Legge 675/96 e il D.Lgs 196/2003 prevedono la tutela delle persone rispetto al trattamento dei dati personali. Ai sensi delle normative indicate tale trattamento è improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza, tutelando la Vostra riservatezza e i Vostri diritti. Vi informiamo inoltre che "titolare" dei dati personali della suddetta legge è la Editrice Aam Terra Nuova Srl. Potrete, in ogni momento, avere accesso ai dati che Vi riguardano, chiedendone l'aggiornamento, la rettifica e l'integrazione, sempre salvo il Vostro diritto di opporVi, per motivi legittimi, al trattamento degli stessi.
terra nuova social
Calendario
in che anno siamo?
  • 1393 persiano
  • 1436 islamico
  • 2014 gregoriano
  • 4710 cinese
  • 5115 induista Kali Yuga
  • 5774 ebraico
  • 2558 buddista
l'almanacco di oggi
Eventi
Portogallo, Spagna- dal 22/12/14 al 02/01/15
presso l’ecovillaggio Tempo di Vivere, a Marano sul Panaro (Mo)- dal 24/12/14 al 06/01/15
Firenze- dal 10/12/14 al 15/01/15
terra nuova annunci