Terra Nuova Settembre 2004
Terra Nuova Settembre 2014Scopri di più
06 Aprile 2011

Il buco nell'ozono torna a far paura

Nel mese di marzo lo strato si è ridotto al minimo: mai così sottile dal 1997. L'Organizzazione mondiale meteorologica denuncia il persistere nell'atmosfera delle sostanze chimiche novice. Maggiore incidenza di tumori nella pelle e guasti al sistema immunitario.

Il buco nell'ozono torna a far paura
 
Vi ricordate ancora del buco dell'ozono? Sono passati diversi anni e non se ne parla più, come se il problema fosse definitivamente rientrato. Le cose però stanno diversamente.  Gli ultimi rilevamenti satellitari indicano a marzo "una diminuzione record dei livelli di ozono sul settore euro-atlantico dell'emisfero nord" del Pianeta.  L'Esa, l'agenzia spaziale europea 1, ha parlato di una "perdita record di ozono sull'Artico" con livelli scesi ai minimi dal 1997. L'ozono è uno strato gassoso che ha la funzione di proteggere gli organismi viventi dalle radiazioni ultraviolette nocive del sole. È presente negli strati alti dell'atmosfera concentrandosi soprattutto a 25 km di altezza. Il nemico numero uno dell'ozono sono i clorofluorocarburi, che negli anni passati ne ha assottigliato fortemente la consistenza. Grazie alla messa al bando di queste sostanze decisa con il Protocollo di Montreal del 1987, il buco nel corso degli anni si è andato gradualmente riducendo, fino all'imprevista frenata delle scorse settimane.      

Le interpretazioni sui motivi di questa nuova lacerazione sono ancora poco chiari. Secondo l'Esa la colpa è di "insoliti forti venti, conosciuti come 'vortici polari'". Le temperature della stratosfera nel circolo polare artico cambiano di inverno in inverno, ma "l'anno scorso temperature e quantità di ozono sopra l'Artico sono state piuttosto elevate", come non accadeva dal 1997. 

Diversa l'intepretazione dei dati dell'Omm, l'Organizzazione mondiale meteorologica. La distruzione, per l'agenzia scientifica che fa capo alle Nazioni Unite, è dovuta alla persistenza nell'atmosfera di sostanze nocive e ad un inverno molto freddo nella stratosfera. "Se l'area priva di ozono si muove via dal Polo verso latitudini più basse c'è da temere una maggiore radiazione ultravioletta nel corso della prossima stagione", avverte l'Omm. I pericoli sono legati soprattutto a maggiore incidenza di tumori nella pelle e guasti al sistema immunitario. Le zone più a rischio sono Canada, Russia e Alaska.

Fonte: Repubblica 

di Gabriele Bindi
Quanto è interessante l'articolo?
(Voti ricevuti: )
Vuoi lasciare il tuo commento su questo articolo?
Si prega di inserire il codice esattamente come visualizzato. I Cookies devono essere abilitati nel browser.
Vi informiamo che la direttiva 95/46/CE, la Legge 675/96 e il D.Lgs 196/2003 prevedono la tutela delle persone rispetto al trattamento dei dati personali. Ai sensi delle normative indicate tale trattamento è improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza, tutelando la Vostra riservatezza e i Vostri diritti. Vi informiamo inoltre che "titolare" dei dati personali della suddetta legge è la Editrice Aam Terra Nuova Srl. Potrete, in ogni momento, avere accesso ai dati che Vi riguardano, chiedendone l'aggiornamento, la rettifica e l'integrazione, sempre salvo il Vostro diritto di opporVi, per motivi legittimi, al trattamento degli stessi.
terra nuova social
Calendario
in che anno siamo?
  • 1393 persiano
  • 1435 islamico
  • 2014 gregoriano
  • 4710 cinese
  • 5115 induista Kali Yuga
  • 5775 ebraico
  • 2558 buddista
l'almanacco di oggi
Eventi
Casalalodola (Bo)- dal 18/09/14 al 21/09/14
Parco Nord, Oxy.gen, Museo Interattivo del Cinema, Parco della Balossa e Carroponte a MILANO- dal 12/09/14 al 22/09/14
Italia- dal 05/04/14 al 18/10/14
terra nuova annunci