Terra Nuova Luglio-Agosto 2014
Terra Nuova Luglio-Agosto 2014Scopri di più
29 Agosto 2009

La dieta del gruppo sanguigno

Anche in Italia si sta diffondendo la dieta basata sui fabbisogni nutrizionali dei diversi gruppi sanguigni. Una scelta ancora molto discussa, ma ricca di numerosi casi di guarigione di cui riportiamo testimonianze dirette.

Prima del XX secolo non si sapeva dell'esistenza di diversi gruppi sanguigni; fu l'austriaco Karl Landsteiner a scoprirlo, nel 1901, salvando tantissime vite umane dal momento che le trasfusioni possono andare a buon fine solo con persone di sangue compatibile.
Sempre a lui si deve la successiva scoperta del fattore RH positivo e negativo, anche questo essenziale per le trasfusioni. La scoperta dei diversi gruppi sanguigni spinse molti studiosi a cercarne la ragione. Tra questi c'era James D'Adamo, un naturopata statunitense il cui figlio Peter, anch'egli naturopata, elaborò negli anni '80 la cosiddetta teoria dei gruppi sanguigni, basandosi su studi ed esperienze propri e del padre: una teoria che ripercorre la storia dell'uomo.

L'epoca del nostro sangue
Nella preistoria esisteva un solo gruppo sanguigno, lo «zero». A quel tempo, i nostri lontani progenitori erano cacciatori e raccoglitori; si alimentavano di carne, semi, bacche e radici. In seguito i gruppi umani hanno cominciato a diffondersi in tutto il mondo e a differenziarsi. Si sono dedicati all'agricoltura e all'allevamento, i cibi sono cambiati e di conseguenza l'organismo ha dovuto imparare ad assimilare e digerire alimenti fino ad allora poco o affatto utilizzati, come i cereali e il latte. Di pari passo, sono nati gruppi sanguigni nuovi: A e B. A questi tre gruppi se n'è aggiunto un migliaio d'anni fa un quarto, rarissimo, dovuto all'incrocio tra A e B e detto appunto AB, che condivide caratteristiche di entrambi. Ogni gruppo sanguigno ha caratteristiche ben definite che porterebbero le persone di un certo gruppo ad ammalarsi di determinate malattie e non di altre.

La teoria di D'Adamo si basa su questa ipotesi storica e sull'esistenza delle lectine, particolari sostanze proteiche destinate a legarsi ad altre molecole in modo tale da formare una sorta di colla. Queste sono presenti anche nei cibi e, secondo lui, a volte sono incompatibili con uno o più gruppi sanguigni. Espleterebbero allora erroneamente la loro funzione e si «incollerebbero» a un organo, dando il via in quel punto a un processo di agglutinazione dei globuli rossi e alterando la funzione di quell'organo. Su questo assunto, D'Adamo ha elencato quali cibi sono adatti ai vari gruppi sanguigni e quali no. E in base a determinate caratteristiche di ogni gruppo, ha evidenziato anche una predisposizione a certe malattie, come possiamo vedere nel box.

Ha ragione D'Adamo?
Il merito di D'Adamo è di aver stabilito una dieta basata su prodotti freschi, non elaborati né manipolati e cucinati con attenzione. Il naturopata insiste poi sulla moderazione, finalizzata all'eliminazione di cibi potenzialmente allergenici come i cereali ricchi di glutine e i latticini. Non dimentica nemmeno l'importanza dell'esercizio fisico. D'altro canto, il mondo scientifico accusa D'Adamo di non avere fondamenti validi per la sua teoria. Infatti le lectine non si comporterebbero come sostiene il naturopata, il quale del resto ammette che in particolari condizioni si annullino; per esempio egli consiglia al gruppo 0 di consumare soltanto frumento germogliato, perché in questo modo il sangue non risentirebbe delle lectine del frumento. Inoltre, non sarebbero dimostrate correlazioni tra malattie e gruppi sanguigni come da lui sostenuto.

I gruppi sanguigni in Italia
Lasciamo gli Stati Uniti per tornare in Italia, ed esattamente nell'ecovillaggio di Mogliazze (Pc): qui esercita Piero Mozzi, medico chirurgo «secondo natura», come ama definirsi lui stesso. Egli esercita applicando la teoria dei gruppi sanguigni, apportandovi però le modifiche suggeritegli dalla pluridecennale esperienza di medico, capace di abbandonare il solco della tradizione alla ricerca della verità e della vera causa della malattia, unico presupposto che porti alla guarigione.
Secondo Mozzi tutto ruota intorno all'alimentazione, che deve essere adeguata per ogni gruppo sanguigno perché questo rappresenta l'imprinting di ogni individuo, indipendentemente dalla razza e dalla cultura. Tutti i problemi di ansia e stress, spiega il medico, dipendono dall'assunzione di cibi non adatti al proprio gruppo sanguigno: non esistono secondo lui patologie psichiche, conta solo il sistema nervoso - anche se questo può suonare un po' limitativo quando si pensa a discipline olistiche millenarie come lo yoga, che prende in considerazione la totalità e la complessità dell'individuo.

Nel momento in cui si abbandona la dieta che l'evoluzione naturale ha assegnato a ogni gruppo sanguigno - come abbiamo visto nella nascita dei diversi gruppi - si compie un errore alimentare che, se ripetuto, porterebbe all'insorgenza della malattia. Per esempio, spiega Mozzi, il consumo diffuso di cereali è alla base di molte gravi patologie autoimmuni presenti in tutti i gruppi sanguigni.
Il medico porta a suo sostegno il fatto che i popoli viventi allo stato naturale non si dedicano alla coltivazione dei cereali; si alimentano invece di carne e pesce, oltre che di bacche e frutti selvatici. Perciò, in generale Mozzi tende sempre a eliminare il glutine e a moderare il consumo anche di cereali privi di glutine, privilegiando spesso l'assunzione di carne e pesce. È certamente interessante la sua idea che non tutti possano essere vegetariani: in effetti, la dieta priva di proteine animali non è ben tollerata da tutti. Però è anche vero che l'eccesso di grassi saturi, come quelli forniti appunto dalla carne, è causa di molte patologie più o meno gravi. E poi, il nostro pianeta sarebbe in grado di tollerare un ulteriore aumento dell'allevamento intensivo?

La dieta per la salute
Così si definisce il regime alimentare proposto dal dottor Mozzi: «una dieta facile da mettere in pratica, efficace e duratura nei risultati». Lo afferma lui stesso, ma lo dichiarano anche molti suoi pazienti. Non è semplice spiegare in poche parole di che cosa si tratta, perché Mozzi elabora un piano alimentare ad hoc soltanto dopo aver ascoltato molto bene il paziente, dopo avergli chiesto che cosa mangia, che cosa beve e quando (per esempio durante i pasti), se fa esercizio fisico. Il risultato è una dieta molto personalizzata, destinata a portare il malato non soltanto a correggere gli errori alimentari ma anche a riflettere sulle proprie abitudini di vita e a capire che, come afferma Mozzi, la guarigione è dentro di noi e non deve provenire dall'esterno, da un farmaco.
Del resto, Piero non ha mai prescritto farmaci a nessuno, limitandosi a curare con rimedi naturali e fitoterapici - lui stesso prepara oleoliti e tinture madri con le piante coltivate e spontanee dell'ecovillaggio.
Oltre che alla teoria dei gruppi sanguigni, Mozzi si basa anche sulle combinazioni alimentari suggerite dall'igienismo, filosofia e pratica di vita che propone il rispetto delle leggi naturali per l'ottenimento della salute e del benessere, come si può vedere nelle testimonianze riportate nel box a fondo pagina.

Meriti e limiti
Mozzi ha il merito di aver scelto di curare senza farmaci, di considerare il malato un individuo da ascoltare fino in fondo prima di proporre una cura, di insistere sulla capacità di autoguarigione e sul ritorno a un equilibrio naturale. E la teoria che il gruppo sanguigno porti impresso dentro di sé un'ereditarietà antica non manca di fascino.
Forse resta però un po' meccanicistica l'idea che la psiche non abbia alcun ruolo nella genesi delle malattie e tanto meno nella loro guarigione. Appare anche un pò rigido il tipo di dieta: pur ammettendo che l'alimentazione moderna porti a degli abusi e vada modificata, forse non vale nemmeno la pena cadere nell'eccesso opposto.


I ritratti dei gruppi sanguigni secondo D'Adamo

>> Gruppo 0: cacciatore-raccoglitore
- Dieta soprattutto carnivora, pochi farinacei.
- Predisposizione a ulcere e malattie infiammatorie per l'eccesso di produzione di acido cloridrico. Bisogno di un esercizio fisico intenso.
- Principali cibi NO: glutine di grano, mais, girasole e lenticchie (sì se germogliati), fagioli bianchi e rossi, patate, arachidi.
- Cibi SÌ: frutti di mare, fegato, sale iodato alle alghe.

>> Gruppo A: agricoltore
- Dieta soprattutto vegetariana e cerealicola.
- Apparato digerente delicato a causa della scarsa produzione di acido cloridrico.
- Sì alla ginnastica dolce e rilassante (per es. Tai Chi).
- Principali cibi NO: grano in eccesso, patate, pomodori e melanzane, fagioli rossi, cavolo, carne e latticini in eccesso.
- Cibi SÌ: legumi, prodotti fermentati, oli vegetali, soia e derivati.

>> Gruppo B: nomade
- Dieta variegata.
- Predisposizione alle malattie autoimmuni. Sì all'esercizio fisico moderato (per es. nuoto).
- Principali cibi NO: pollo, arachidi, grano, mais e saraceno, lenticchie.
Cibi SÌ: verdure, latticini, uova, carne.

>>Gruppo AB
- Dieta più variata.
- Predisposizione all'anemia.
- Principali cibi NO: semi oleosi, burro, carne rossa, grano, mais e saraceno, fagioli rossi.
- Cibi SÌ: tofu, ortaggi, pesce, latticini, alghe.

Sconsigliata a tutti i gruppi: carne di maiale.


Le testimonianze

Ecco alcune testimonianze significative degli effetti di una dieta specifica per il proprio gruppo sanguigno.

Vanessa, 38 anni
I primi sintomi sono iniziati 10 anni fa: febbre altissima e vomito continuo. A giugno un primo ricovero e un altro a novembre senza diagnosi né cura. Ho cominciato a gonfiarmi, sono aumentata di 20 kg in 5 mesi. Non riuscivo più a respirare. Altro ricovero e una diagnosi: lupus. Mi hanno curata con il cortisone per sette anni. Mi hanno operato ai polmoni inutilmente, mi riempivo continuamente di liquidi. Un giorno una mia amica ha visto il dottor Mozzi in televisione e mi ha detto di andarci. Ero molto scettica ma ho preso appuntamento. Ho subito seguito le sue indicazioni: via il frumento, pane, pasta e tutti i derivati. La cosa più difficile sono le associazioni, gli abbinamenti, tonno con i fagioli per esempio, oppure riso con dolci e marmellate...
Dopo tre mesi ho cominciato a vedere i primi risultati. All'inizio è stato molto difficile. Sono dimagrita in faccia e nelle braccia, 20 kg in un anno. Bisogna stare attenti a fare questa dieta perché poi il tuo corpo si abitua e appena sgarri di qualcosa stai male. Al mattino mi alzo e prendo le mie goccine che servono per proteggermi da eventuali influenze. Bevo un bicchiere di acqua tiepida e quando esco mi mangio un frutto. A pranzo carne o uova o pesce con verdure o cotte o crude di stagione. Posso mangiare miglio, quinoa, patate, poco formaggio, qualche volta la pizza.
Niente farine abbinate a zuccheri, quindi niente dolci.


Loredana, 40 anni
Sono ipotiroidea dal 2000. All'inizio l'endocrinologo mi ha dato compresse di tiroxina da 100 mg per poi passare a 150 nel giro di un anno. Poi sono venuta a sapere per caso del dottor Mozzi. Sono andata da lui e mi ha chiesto il gruppo sanguigno. Per prima cosa mi ha tolto il frumento. Da valori tiroidei di Tsh 164 sono passata a 9, quindi quasi a posto senza prendere palliativi né creando una dipendenza dal farmaco, ma perfezionando il funzionamento della tiroide. Nel giro di due mesi ero già calata parecchio.
Oltre al frumento ho eliminato tutti i cereali con il glutine, quasi tutta la frutta, i salumi, i latticini - solo ogni tanto una mozzarella, ma niente latte di mucca. Molta carne ma assolutamente niente maiale. Niente dolci ma soprattutto via l'abbinamento farina e zucchero, quindi ho imparato a fare una torta senza farina. Da evitare pane e marmellata. Ho notato che è l'alimento stesso che ti crea dipendenza. Se esco a cena, prendo il riso. Per dolce, una macedonia. Ormai sono due anni che seguo questa dieta.


Roberta, 37 anni
A 25 anni ho cominciato con dolori articolari per un paio di mesi all'anno. Dopo un bel po' ho avuto anche dei problemi agli occhi, mi si seccavano e mi si strappavano» la mattina quando li aprivo. Mi hanno diagnosticato una connettivite indifferenziata. I dolori alle articolazioni li avevo tutto l'anno, duravano da uno a tre giorni e sparivano. Sono andata avanti così per anni, poi mi sono venuti degli ematomi negli arti inferiori e mi hanno dato dei cortisonici. Un amico mi ha indirizzato verso la dieta dei gruppi sanguigni. Non ci credevo tanto all'inizio. Ho provato e ho avuto subito nei primi mesi un beneficio. All'inizio ho provato da sola, con un libro. Io sono gruppo A e ho eliminato la carne e le solanacee. Poi sono andata dal dottore che mi ha eliminato la pasta, fuorché quella di saraceno.
Mi ha tolto il latte, il formaggio. Già due mesi dopo stavo meglio e un anno dopo gli esami del sangue erano regolari. Devo mangiare poco glutine, poco farro e kamut, tanto saraceno, quinoa, polenta, merluzzo; niente polpo, crostacei, solanacee, alcuni tipi di frutta (arance, mandarini...), latte solo di soia o di capra, formaggi magri solo di capra o di pecora. Posso mangiare uova e, una volta alla settimana, pollo o tacchino. Da quando mangio carne bianca il ferro si è alzato e l'anemia è sparita.


Franca
Nel 2002 avevo grossissimi disturbi: mal di testa, vertigini, dolori articolari, perdite vaginali, a volte anche stati confusionali. I numerosi specialisti che ho consultato mi hanno dato degli analgesici, ma quando finiva l'effetto avevo ancora mal di testa. Ero all'ultima spiaggia e un'amica mi ha convinta ad incontrare il dottor Mozzi. Con un semplice sguardo, il medico ha diagnosticato una pelle rossa, quasi cianotica, un gonfiore intestinale. Ero magra ma con una pancia enorme. Mi ha detto di eliminare subito sia frumento che latte e derivati. Il secondo giorno il mal di testa è scomparso e con lui dolori articolari, perdite vaginali, problemi gastrici. Ora so che il mio farmaco è il cibo e che sono importanti gli alimenti da lui consigliati, ma anche i tempi, le combinazioni e le associazioni. Il mio organismo ci ha messo tre anni a recuperare con una dieta rigorosa. Ora sono perfettamente guarita, riesco a fare attività sportiva e anche lavorativa di 15 ore al giorno. Il mio gruppo sanguigno è A positivo.


Articolo tratto da Terra Nuova - Aprile 2007

Lettura consigliata: La dieta dei quattro gruppi sanguigni


di Giuliana Lomazzi
La cucina d'estate
Novità dal mondo Terra Nuova
11 Agosto 2012
di F. Del Guerra
100 grammi di tofu al giorno...
Alimentazione naturale
23 Febbraio 2009
di Gabriele Bindi
Yoga della risata
Medicina Naturale
17 Gennaio 2009
di F.G.
Ricette...contro la candida
Alimentazione naturale
13 Settembre 2008
di Catia Trevisani
Alimentazione naturale
21 Luglio 2005
La dieta del gruppo sanguigno: il GRUPPO B
di Massimo Ilari Urbinati
Alimentazione naturale
21 Luglio 2005
La dieta del gruppo sanguigno: il GRUPPO A
di Massimo Ilari Urbinati
Alimentazione naturale
21 Luglio 2005
La dieta del gruppo sanguigno: il GRUPPO 0
di Massimo Ilari Urbinati
Alimentazione naturale
21 Luglio 2005
La dieta del gruppo sanguigno: il GRUPPO AB
di Massimo Ilari Urbinati
terra nuova social
Calendario
in che anno siamo?
  • 1393 persiano
  • 1435 islamico
  • 2014 gregoriano
  • 4710 cinese
  • 5115 induista Kali Yuga
  • 5774 ebraico
  • 2558 buddista
l'almanacco di oggi
Eventi
India del Nord e Himalaya- dal 02/08/14 al 23/08/14
Italia- dal 30/06/14 al 31/08/14
Italia- dal 05/04/14 al 18/10/14
terra nuova annunci